Come realizzare i post per i social

Gestire i social è importante, ma è importante anche sapere come realizzare i post per i social.

In questo nuovo articolo lo vedremo assieme.

Primo aspetto: quanto deve essere lungo il testo di un post?

Parola d’ordine: sintesi. Instagram ha un limite di 200 caratteri, ma non sarebbe meglio non raggiungere questo limite.

Ormai sono entrate nell’uso comune e le usa chiunque, quindi non bisogna demonizzare le emoji ma anzi usarle (ovviamente adattando al contesto). Senza esagerare, le emoji alleggeriscono il testo e lo rendono più leggibile.

Un post per i social non è tale senza l’immagine.

Se inseriamo un testo, deve essere sotto il 20% dell’area dell’immagine. Questo perché Facebook riduce drasticamente la visibilità del post, soprattutto durante le campagne promozionali.

Bisogna prestare ovviamente attenzione al copyright delle immagini: quelle su Google immagini non sono ad uso gratuito, per quello esistono siti di immagini stock appositi, sia per immagini gratuite che per immagini a pagamento.

Se scriviamo un post per portare gli utenti ad un articolo del nostro blog, la struttura del post sarà sviluppata per incuriosire gli utenti. Quindi si può scrivere un’anteprima dell’articolo, per invogliare l’utente a proseguire la lettura nel nostro blog.

Attenzione a fare copia e incolla dello stesso testo in diversi social: ad esempio, un testo scritto su Facebook potrà essere reso in maniera diversa su Instagram o LinkedIn. È sempre meglio adattare i testi al social usato.

Su Instagram sarebbe il caso di utilizzare i vari hashtag, il limite da rispettare è di 30 hashtag per foto, sia nel testo sia nel primo commento. Come per il testo, non bisogna raggiungere il limite, l’ideale sarebbe usarne 10/15.

Le cose importanti quando si scrive un post sui social sono di inserire contenuti rilevanti, non banali, utilizzare immagini di qualità e associate al testo.

Vuoi avere altri consigli e suggerimenti su come realizzare i post per i tuoi social? Contattaci!

Condividi questo articolo su:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest